Attività associative

Dettaglio delle Attività associative 2018

Dettaglio delle Attività associative 2019

 

La vitalità di un qualsiasi organismo si misura dalla sua capacità di muoversi, dall’energia posseduta, dall’intraprendenza messa in gioco, dall’entusiasmo di cui è pervaso, dall’efficienza dimostrata, dalla capacità di darsi degli obiettivi e di raggiungerli. In poche parole: quantità e qualità delle varie attività organizzate possono costituire ottimi parametri di giudizio.
La Sezione UILDM di Torino, pur considerando la natura prettamente volontaristica, fin dal lontano 1967 si è sforzata di irradiare a 360 gradi i segni tangibili della sua presenza, dei suoi ideali, della sua lotta e, anche e soprattutto, della sua passione. Ecco, a grandi linee, come e dove grazie alla Relazione sociale 2019 del Presidente della Sezione.

 

Relazione del Presidente sulle attività svolte dalla Sezione UILDM di Torino nell’anno 2019

Signori soci,

premesso che ogni iniziativa risulta importante al fine di aiutare i nostri soci a combattere contro le patologie neuromuscolari, sintetizzerò adesso la lista delle attività principali portate avanti dalla Sezione nel corso del 2019, il cui dettaglio è allegato a questa stessa Relazione.

In prima istanza vorrei rimarcare che le linee guida scelte sono state quelle di attenuare gli effetti nocivi della distrofia muscolare tramite i numerosi servizi offerti ai nostri tesserati, sostenere la ricerca medico-scientifica, sensibilizzare il territorio sulla nostra esistenza e la nostra precisa funzione sociale. Inoltre l’associazione da me presieduta ha preso parte a trasmissioni radiotelevisive, incontri, conferenze, convegni, riunioni, manifestazioni sportive e di diversa altra natura, eventi benefici, serate danzanti, concerti e spettacoli vari, informando la collettività grazie alla rivista Vincere Insieme, agli appositi dépliant e alle testimonianze dirette dei miodistrofici. Nella gamma dei servizi forniti ai soci ricordo le prenotazioni agevolate di visite mediche specialistiche, le svariate sedute di fisioterapia, gli sportelli informativi medico-legali, i trasporti attrezzati e i relativi accompagnamenti, l’utilizzo della mailing list e l’appoggio alle due squadre di hockey in carrozzina Dragons Grugliasco e Magic Torino. Poi, in ambito culturale e ricreativo, sono state compiute alcune escursioni come la visita al museo Lavazza, la piacevole settimana di vacanze nell’inedita località di Porto Potenza Picena, il primo Torneo di scopone e la consueta festa pre-natalizia presso il ristorante “Dei Cacciatori” di Verolengo. Infine abbiamo destinato ai nostri ragazzi gli assegni di studio intitolati, come sempre, a Roberta Missani.

I delegati designati hanno partecipato alle Manifestazioni primaverili di Lignano e si è presenziato ai Consigli nazionali. Nei luoghi di nostra competenza è stata allestita la Settimana delle Sezioni Uildm, si sono realizzati brevi video orientati a finalità divulgative, partecipato alla terza Giornata per le malattie neuromuscolari e aderito alle campagne Telethon di raccolta fondi. Abbiamo completato l’adeguamento alla normativa sulla protezione interna dei dati personali e indetto una specifica Assemblea dei Soci per adattare lo Statuto interno al nuovo codice del Terzo settore. Sono proseguiti i progetti di sensibilizzazione alla disabilità e alla diversità nelle scuole torinesi dell’obbligo e nelle superiori, compreso “A scuola di Inclusione: Giocando si Impara” finanziato dal ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, mentre abbiamo partecipato con ottimi risultati ai progetti “Plus: per un lavoro utile e sociale” e “Diritto all’eleganza”. In virtù del contributo concesso dalla Fondazione CRT è continuato il progetto “Imagine, affettività, genitorialità e sessualità delle persone disabili” destinato ai portatori di handicap e alle loro famiglie. Da non scordare, oltre a quanto appena detto, la proficua collaborazione intessuta con enti, istituti, cooperative, associazioni e onlus (come Città di Torino, Regione, Città della Salute, Il Punto, Puzzle, Cpd, Apri, Passepartout, Ludoteca Neverland, Verba, Cidt, Vol.To, Gtt eccetera). In più abbiamo aderito alla nuova Consulta per le Malattie neuromuscolari di Piemonte e Valle d’Aosta, che prevede una rete collaborativa di pazienti, medici, associazioni e istituzioni.

Come sempre sono state utilizzate cospicue somme nell’appoggio alla ricerca medica. Si sono allestiti i regolari corsi di rianimazione cardio-polmonare e di primo soccorso, continuando pure gli incontri singoli e di gruppo con gli psicologi. Abbiamo aderito al progetto della Città della salute “Trattami bene”, incentrato sull’obiettivo di coinvolgere direttamente le persone disabili e con patologie croniche nei percorsi di cura.

Quanto detto finora è stato realizzato esclusivamente in virtù delle doti di abnegazione e di capacità dei nostri volontari i quali, in collaborazione con le dipendenti, oltre a tutto il resto, hanno anche permesso l’ininterrotta apertura della sede, l’assistenza in loco e l’elaborazione delle pratiche di segreteria. Sono quindi in grado di sostenere che ancora una volta, durante tutto l’anno passato, abbiamo combattuto la distrofia muscolare, assegnando un fine ben preciso a tutte le azioni dei volontari, del Consiglio direttivo e del sottoscritto. Inoltre sono sicuro che anche il nuovo Direttivo eletto dai soci continuerà con fermezza e passione questi impegni. Infine desidero ringraziare di cuore i nostri amici e tutti i miei collaboratori.

Torino, 2 gennaio 2020   –   il Presidente della Sezione: Giacinto Santagata

 

Una fotogallery delle nostre attività


Hockey in carrozzina


La sensibilizzazione nelle scuole