Attività associative

Dettaglio delle Attività associative 2016

Dettaglio delle Attività associative 2016

La vitalità di un qualsiasi organismo si misura dalla sua capacità di muoversi, dall’energia posseduta, dall’intraprendenza messa in gioco, dall’entusiasmo di cui è pervaso, dall’efficienza dimostrata, dalla capacità di darsi degli obiettivi e di raggiungerli. In poche parole: quantità e qualità delle varie attività organizzate possono costituire ottimi parametri di giudizio.
La Sezione UILDM di Torino, pur considerando la natura prettamente volontaristica, fin dal lontano 1967 si è sforzata di irradiare a 360 gradi i segni tangibili della sua presenza, dei suoi ideali, della sua lotta e, anche e soprattutto, della sua passione. Ecco, a grandi linee, come e dove grazie alla Relazione sociale 2016 del Presidente della Sezione.

Relazione del Presidente sulle attività svolte dalla Sezione UILDM di Torino nell’anno 2016

Signori soci,

desidero sintetizzare in questa sede la lista delle principali attività intraprese dalla nostra onlus nel corso del 2016 e il cui dettaglio potrete trovare in allegato a questa stessa Relazione.

Innanzitutto è mia intenzione rimarcare come, nonostante il perdurare della crisi economica e sociale, nell’anno appena terminato la linea di azione della Uildm torinese sia sempre stata quella di lottare strenuamente contro la distrofia muscolare tramite i parecchi servizi assicurati ai nostri circa 500 tesserati, il convinto sostegno alla ricerca medico-scientifica, le molteplici iniziative portate avanti e la sensibilizzazione esterna riguardo la nostra esistenza e la nostra battaglia quotidiana.

In pratica l’associazione ha partecipato a trasmissioni radiotelevisive, incontri, conferenze, convegni, riunioni, manifestazioni sportive e di diverso altro genere, eventi benefici, serate danzanti, concerti e spettacoli vari, informando la cittadinanza grazie alla rivista Vincere Insieme e ai dépliant in dotazione, e in special modo divulgando gli ideali alla base del nostro impegno anche in virtù delle testimonianze dirette dei miodistrofici coinvolti. Nell’ambito dei servizi erogati ai soci, ricordo le prenotazioni agevolate di visite mediche specialistiche, i trasporti e gli accompagnamenti con i volontari e il rinnovato parco di automezzi attrezzati, le numerose sedute di mantenimento muscolare passivo, gli sportelli informativi medico-legali, la mailing list, l’organizzazione di importanti incontri medici, i consueti corsi di rianimazione cardio-polmonare e l’appoggio alle due squadre di hockey in carrozzina Dragons Grugliasco e Magic Torino. Inoltre, in tema culturale e ricreativo, sono state effettuate svariate escursioni, la sempre piacevole settimana di vacanze a Grottammare e la festa pre-natalizia al ristorante “Dei Cacciatori” di Verolengo. Infine abbiamo destinato ai nostri studenti gli assegni di studio intitolati a Roberta Missani.

I delegati della Sezione hanno partecipato alle Manifestazioni nazionali di Lignano e, nel territorio di nostra competenza, è stata allestita la “Settimana delle Sezioni Uildm”. Abbiamo incrementato la collaborazione con e per Telethon grazie alla Campagna di Primavera, allo speciale incontro di novembre presso la Città della Salute e alle varie manifestazioni di dicembre. Sono continuati i massicci progetti di sensibilizzazione alla disabilità e alla diversità nelle scuole dell’obbligo torinesi, è stata discussa con successo la tesi di laurea “Distrofia muscolare ed efficienza fisica: uno studio longitudinale” e, a favore dei soci miodistrofici, sono stati avviati in sede due tirocini osservativi con relative borse di lavoro. Da non dimenticare infine il positivo incontro con la IV Commissione Consiliare e la Commissione Diritti e Pari Opportunità del Comune, l’adesione di alcuni volontari a specifici corsi di formazione e la costruttiva collaborazione con altri enti, istituti, cooperative e associazioni (ad esempio Città di Torino, Città Metropolitana di Torino, Regione, Città della Salute, Il Punto, Puzzle, Gtt, Apri, Interfacoltà di Scienze Motorie, Passepartout, Verba, Vol.To, Manageritalia eccetera).

Come sempre sono state utilizzate ingenti risorse nel sostegno alla ricerca scientifica, nell’assegnazione di borse di studio mediche, nel finanziamento di prestazioni sanitarie di consulenza chirurgica e nell’appoggio alla Telemedicina dei pazienti ventilati. Inoltre, proprio quest’anno, abbiamo incominciato a prendere seriamente in considerazione il complesso iter per istituire un futuro centro locale di accoglienza specialistico polifunzionale per miodistrofici.

E’ comunque d’obbligo una precisazione: tutto ciò è stato reso possibile solo grazie al lavoro, alla competenza, all’abnegazione e alla passione dei nostri volontari che, insieme alla valida dipendente, hanno anche garantito la copertura dell’ampio orario di apertura della sede, l’assistenza in loco e lo svolgimento delle varie pratiche di segreteria.

La nostra dura guerra contro le patologie neuromuscolari è quindi seguitata con energia, conferendo un senso e un nobile scopo all’impegno dei volontari, del Consiglio direttivo e del sottoscritto.

Torino, 4 gennaio 2016                                                                                                   il Presidente della Sezione  (Giacinto Santagata)

 

Una fotogallery delle nostre attività


Hockey in carrozzina


La sensibilizzazione nelle scuole