Attività associative

Dettaglio delle Attività associative 2017

Dettaglio delle Attività associative 2017

 

La vitalità di un qualsiasi organismo si misura dalla sua capacità di muoversi, dall’energia posseduta, dall’intraprendenza messa in gioco, dall’entusiasmo di cui è pervaso, dall’efficienza dimostrata, dalla capacità di darsi degli obiettivi e di raggiungerli. In poche parole: quantità e qualità delle varie attività organizzate possono costituire ottimi parametri di giudizio.
La Sezione UILDM di Torino, pur considerando la natura prettamente volontaristica, fin dal lontano 1967 si è sforzata di irradiare a 360 gradi i segni tangibili della sua presenza, dei suoi ideali, della sua lotta e, anche e soprattutto, della sua passione. Ecco, a grandi linee, come e dove grazie alla Relazione sociale 2016 del Presidente della Sezione.

Relazione del Presidente sulle attività svolte dalla Sezione UILDM di Torino nell’anno 2017

Signori soci,

desidero subito sottolineare i due importanti eventi che hanno impresso il loro marchio indelebile sullo scorso anno associativo: la creazione di un Centro clinico NeMO nel nostro capoluogo e la ricorrenza del Cinquantenario della Sezione. Dopo anni di intenso lavoro, siamo quindi soddisfatti di essere riusciti a realizzare l’ambizioso progetto del NeMO che, dopo i necessari lavori di ristrutturazione presso la Città della Salute, dovrebbe diventare operativo nel 2018. Anche i cinquant’anni della Uildm torinese sono stati adeguatamente festeggiati grazie, fra l’altro, a un convegno medico allestito per l’occasione e alla ricca giornata di eventi tenutasi a fine ottobre a Verolengo.

Detto questo, cercherò adesso di riassumere l’elenco delle attività principali portate avanti dalla nostra onlus nel corso del 2017, il cui dettaglio lo potrete trovare in allegato a questa stessa Relazione. In primo luogo mi preme sottolineare che la linea d’azione prescelta è stata quella di lottare contro la distrofia muscolare tramite i parecchi servizi erogati alle centinaia dei nostri tesserati, l’imprescindibile appoggio alla ricerca medico-scientifica, le numerose iniziative intraprese e la sensibilizzazione relativa alla nostra esistenza e alla nostra battaglia quotidiana. Inoltre, l’associazione da me presieduta, ha partecipato a trasmissioni radiotelevisive, incontri, conferenze, convegni, riunioni, manifestazioni sportive e di diversa altra natura, eventi benefici, serate danzanti, concerti e spettacoli vari, informando la cittadinanza grazie alla rivista Vincere Insieme, a specifici dépliant e alle testimonianze dirette dei miodistrofici più impegnati. Nel novero dei servizi forniti ai soci ricordo l’organizzazione di importanti incontri medici, le prenotazioni agevolate di visite mediche specialistiche, le molteplici sedute di fisioterapia, gli sportelli informativi medico-legali, i trasporti attrezzati e gli accompagnamenti, l’utilizzo della mailing list e l’appoggio alle due squadre di hockey in carrozzina Dragons Grugliasco e Magic Torino. Poi, in tema culturale e ricreativo, sono state effettuate svariate escursioni (come l’interessante giornata a Pinerolo culminata con la visita al Castello di Miradolo), la sempre piacevole settimana di vacanze a Grottammare e la tombolata pre-natalizia. Infine abbiamo destinato ai nostri ragazzi gli assegni di studio intitolati a Roberta Missani.

Nel mese di marzo si è svolta l’elezione del nuovo Consiglio direttivo e del Revisore unico dei conti della Sezione. I delegati hanno preso parte alle Manifestazioni di Lignano e ai Consigli nazionali, nel territorio di nostra competenza è stata allestita la Giornata della Uildm e la Settimana delle Sezioni, si sono realizzati brevi video orientati a finalità divulgative, è stata predisposta la proiezione pubblica del film “Un ferragosto all’Italiana” e quella del cortometraggio “Un trascurabile errore”, abbiamo partecipato alla prima Giornata per le malattie neuromuscolari e aderito alle campagne Telethon di raccolta fondi (con i consueti banchetti in piazza, presso le Assicurazioni Generali e Cnh Industrial). Sono continuati i progetti di sensibilizzazione alla disabilità e alla diversità nelle scuole torinesi, mentre in tale ambito sono state gettate le basi dei futuri interventi, si è tenuto un corso di formazione per docenti. e una serata presso il Kiwanis club torinese. Da non dimenticare, oltre a tutto ciò, l’intensa e costruttiva collaborazione con molti altri enti, istituti, cooperative, associazioni e onlus (come Città di Torino, Città Metropolitana, Regione, Città della Salute, Il Punto, Puzzle, Cpd, Apri, Passepartout, Ludoteca Neverland, Verba, Cidt, Vol.To, Gtt eccetera).

Come sempre sono state impiegate ingenti risorse nel sostegno alla ricerca scientifica e nell’assegnazione di borse di studio mediche. Si è collaborato con il Centro Puzzle riguardo al progetto relativo alla creazione di una struttura sociosanitaria in via Cimabue 2 capace di rispondere alle esigenze emergenti per il continuum terapeutico ospedale-territorio e per offrire una soluzione residenziale o semiresidenziale assistita ai pazienti che sono sprovvisti di assistenza familiare (progetto “Dopo di noi”) e un consistente numero di ambulatori per le attività diurne. Si sono organizzati i periodici corsi di rianimazione cardio-polmonare e di primo soccorso e degli incontri di gruppo con delle psicologhe per discutere le molte problematiche inerenti la disabilità e il modo migliore per affrontarla.

Quanto citato finora è stato possibile solo grazie alla passione dei nostri volontari che, insieme alle dipendenti, hanno pure garantito l’ampio orario di apertura della sede, l’assistenza in loco e lo svolgimento delle pratiche di segreteria. Posso quindi affermare che anche nei dodici mesi appena trascorsi abbiamo cercato di contrastare al massimo le patologie neuromuscolari, conferendo quindi un valore e un nobile scopo all’impegno dei volontari, del nuovo Consiglio direttivo e del sottoscritto. Perciò ringrazio di cuore tutti i miei validi collaboratori.

 

Torino, 2 gennaio 2018                                                                                                   il Presidente della Sezione  (Giacinto Santagata)

 

Una fotogallery delle nostre attività


Hockey in carrozzina


La sensibilizzazione nelle scuole